Recensione “Vuoi ballare con me?” – Rosita Romeo

cover_Vuoi ballare con me.jpg

Sinossi: 

L’unico modo per riprendersi, quando si cade, è tornare subito in pista.

Sofia, neolaureata in giurisprudenza, è reduce da una cocente delusione d’amore con l’astro degli avvocati milanesi; Jesper, brillante broker italo-svedese, è in trasferta a Milano per dimenticare un amore sfortunato. Fin dal primo incontro tra i due scocca una scintilla d’intesa, ma entrambi sono restii a concedere di nuovo il loro cuore. E a soffrire ancora.
Paul Strindberg è l’amministratore delegato del gruppo finanziario svedese per il quale anche Jesper lavora. Giulia Fenis è una rampante manager italiana del gruppo. Entrambi algidi e dediti alla carriera saranno sorpresi dalla passione che cambierà completamente le loro vite.
Tra un giro di ex che tornano alla carica, agguerrite rivali, scandali finanziari, malintesi e risentimenti, riusciranno i nostri protagonisti ad abbassare le loro difese e a lasciarsi andare a nuove inaspettate emozioni?
Tutto può succedere quando in ballo c’è l’amore.

Recensione di Valentina Vitale:

Il libro che vi presento oggi “Vuoi ballare con me?” è un romanzo dolce e romantico, è la storia di Sofia, laureata in giurisprudenza, che lavora presso una casa editrice revisionando bozze di testi giuridici, appena uscita da una deludente relazione che oltre a chiuderle le porte dell’amore le ha chiuso anche quelle del lavoro. Sofia è una donna forte, ostinata, che, imparata la lezione, è diventata diffidente nei confronti degli uomini; fino a quando non si scontra con Jesper, giovane broker bello e altezzoso, anche lui uscito da poco da una relazione. Sofia mette in discussione ciò che si era riproposta, perché quando l’amore ti trova, qualsiasi resistenza è destinata a cedere. La loro è una storia raccontata da entrambi i punti di vista, a cui si intrecciano le storie e vicende di altri personaggi che complicano la situazione. Ciò che ho amato molto di questo libro è stata la capacità dell’autrice di descrivere lo sbocciare e il rafforzarsi dell’amore tra questi due personaggi, che li lega più profondamente di quanto si rendano conto in un primo momento, e il loro essere persi l’uno senza l’altro. Il loro rapporto tuttavia, ancora prematuro e fragile, verrà messo a dura prova da un fraintendimento e dalla gelosia, rivelando altri aspetti del carattere di  lei. Orgogliosa, ma anche tosta, non è la classica ragazza che si lascia sottomettere e intimidire dalle donne che provano ad ostacolare la sua relazione; ed è questo aspetto che ho apprezzato molto di lei, oltre al fatto che tiene testa a Jesper fin dall’inizio senza lasciarsi abbagliare dalla sua bellezza. Di Jesper invece ho amato la dolcezza che nasconde dietro una facciata fredda e distaccata, perché Jesper non è il classico uomo arrogante e tormentato che si incontra ormai di frequente nei romance, ma un uomo ostinato che come vedrete lotterà per conquistare la fiducia di Sofia. Attraverso Jesper inoltre la scrittrice ci offre un breve scorcio sul mondo degli affari, un mondo in cui l’apparenza gioca un ruolo fondamentale ed in cui occorre essere spregiudicati, come si intuisce dalla presentazione degli altri personaggi, come il severo Strindberg e Giulia, top manager, che ho rivalutato nel corso del romanzo. La narrazione procede scorrevole e fluida rendendo la lettura veramente piacevole fino al finale, che non termina con il classico “e vissero felici e contenti”, ma ci lascia con un importante spunto di riflessione: l’amore non va dato mai per scontato ed esattamente come una fiamma va alimentato e preservato per evitare che si spenga.

♥ ♥ ♥ ♥

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...